Archivio

Archivio Febbraio 2005

Sacher.

28 Febbraio 2005 1 commento


Dosi x 6 persone:
400g cioccolato fondente
8 uova
200g zucchero semolato
200g burro
200g farina
confettura albicocche
1 pizzico sale

Fate fondere a bagnomaria metà del cioccolato. In una terrina montate a crema il burro con lo zucchero (vi consiglio di ammorbidire il burro) e incorporare il cioccolato fuso tiepido sbattendo con 1 frusta.
Aggiungete i tuorli e poi gli albumi montati a neve ferma con 1 pizzico di sale.
Mescolate sempre dal basso verso l’alto poi unite la farina a cucchiaiate.
Versate l’impasto in uno stampo da 24cm (precedentem imburrato) livellatelo e cuocetelo in forno già caldo a 180° per 45/50 minuti.
Fai freddare bene. Raschiate con un coltello la superficie (x’ gonfiandosi forma una crosticina sottile che rompe quando poi andate a glassare) dividetela a metà in senso orizzontale, spalmate la confettura e ricomponete la torta.
Fate sciogliere il resto del cioccolato a bagnomaria e glassate la torta.
La procedura corretta x glassare la torta sarebbe di temperare il cioccolato (cioè fargli raggiungere una temperatura col calore e poi raffreddarla immediatamente sul marmo e risciogliere il tutto)in modo che non si formi la patina bianca ma io faccio semplicem sciogliere il cioccolato e glasso direttamente.
Sembra difficile da realizzare ma vi assicuro che è più difficile scriverla!!!!

Clafoutis di pesche.

28 Febbraio 2005 1 commento


Ingredienti x 6-8 persone:
1kg pesche
100g zucchero
50g farina
2 uova
2 tuorli
1/4 di l di latte
1 bustina vanillina
il succo di 1/2 limone
3 amaretti
2 cucchiai di liquore all’amaretto

Lavate le pesche, scottatele per un minuto in 1 casseruola con acqua in ebollizzione, scolatele in acqua fredda, lasciate raffreddare e poi scolatele di nuovo. Sbucciatele, eliminate il nocciolo e tagliatele a fette spesse quindi mettetele in una terrina e irroratele con il succo di limone.
Lavorate con una frusta i tuorli, il liquore e lo zucchero, aggiungete la farina settacciata con la vanillina e gli amaretti sbriciolati quindi versare a filo il latte e mescolate il tutto sino ad ottenere una pastella liscia.
Scolate le pesche, distribuitele in più strati sovrapposti nello stampo imburrato e versateci sopra la pastella. Ponete in forno preriscaldato a 180°C per circa 35-40 minuti.

Gelato alla cannella.

27 Febbraio 2005 Commenti chiusi


Ingredienti x 4 persone:
1/2lt latte
5 tuorli
120g zucchero
20g cannella
1 baccello di vaniglia

In una casseruola portate ad ebollizione il latte con la vaniglia. In una terrina mettete i tuorli, lo zucchero e la cannella in polvere; lavorateli con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto omogeneo e ben amalgamato. Unite il latte caldo versandolo poco x volta attraverso un colino e mescolando.
Versate il composto in una casseruola che metterete su fuoco moderato e portate a ebollizione mescolando continuamente fino a che la crema non si sarà addensata(il cucchiaio deve velarsi), quindi togliete dal fuoco e fate freddare.
Ricordatevi di mescolare ogni tanto x evitare che si formi la pellicina in superficie.
Quando il composto è freddo versatelo nella gelatiera e programmate l’apparecchio per il tempo indicato dalle istruzioni.
Quindi una vota pronto servitelo nelle coppette!

Spuma di cioccolato e bignè

25 Febbraio 2005 3 commenti


Ingredienti x 6 persone.

x la crema:
3 uova
50gr zucchero semolato
1dl latte
2dl panna fresca
200gr cioccolato fondente
1 pizzico di vanillina
40gr pinoli
4gr gelatina in fogli
sale

x decorare:
24 bignè medi già pronti (sempre che non abbiate voglia di farveli voi)
2dl panna fresca
2 cucchiai zucchero a velo
1 punta di cannella

Ammorbidite la gelatina in acqua fredda, spezzetate il cioccolato e fondetelo a bagnomaria.
Raccogliete i tuorli in una casseruola, unite lo zucchero semolato e lavorate con la frusta versando a filo il latte. Mettete su fuoco basso e, mescolando, fate addensare la crema fino a quando velerà il cucchiaio. Unite il cioccolato fuso e la vanillina e fate cuocere a fuoco molto basso per 3-4 minuti.
Togliete dal fuoco, incorporate la gelatina mescolate e filtratetutto con 1 colino.
fate raffreddare a temperatura ambiente mescolando ogni tanto.
Separatamente montate 2 albumi a cui unirete il pizzico di sale e i 2 dl di panna e incorporate alla crema prima la panna e poi gli albumi (okkio a non smontarli).
Montate poi gli altri 2 dl di panna con 1 cucchiaio di zucchero a velo e la cannella. Farcite i bignè con qs composto.
Sul fondo di 6 coppe mettete 1 strato di panna, poi 1 strato di mousse e quindi adagiate al centro 1 bignè. Ricoprite con la mousse rimasta, spolverizzare con i pinoli tritati grossolanamente e completate con altri 3 bignè.
Tenete in frigo almeno 2 ore prima di servire e al momento di portare in tavola spolverizzate con lo zucchero a velo.

Purtroppo quando l’ho fatta non avevo la macchina fotografica… quindi accontentatevi di qs!!!
E’ un pò pesantina come preparazione ma buonissima…. fate una cena leggera prima!!!!

La grande sfida di casadolcecasa!

25 Febbraio 2005 Commenti chiusi

Ragazzi qui di fianco troverete il link della sfida che insieme a casadolcecasa abbiamo lanciato.
Si tratta di partire da una ricetta base e variarla.
Buon lavoro!!!
Ale e le ragazze di casadolcecasa

Dolce di fragole

25 Febbraio 2005 4 commenti


Ingredienti:

1 confezione di savoiardi
2 cestini di fragole
2 o 3 cucchiai di zucchero
2 limoni
2 confezioni di panna da montare

lavate bene le fragole e mettetele nel frullatore, avendo cura di tenerne qualcuna x devorare.
Aggiungete il succo dei due limoni, lo zucchero e frullate il tutto.
Montate la panna.
A qs punto procedete come x il Tiramisù.
Imbevete bene i savoiardi nel frullato e stendeteli in un piatto di portata. Stendete poi uno strato di panna e andate avanti così (savoiardi,panna,savoiardi,panna) fino all’esaurimento degli ingredienti.
Alla fine coprite bene il dolce con la panna e decorate.
Mettete nel frigo a riposare.
Un consiglio: preparatelo il giorno prima… poi vi leccherete i baffi!!!!

Crema di cioccolato.

25 Febbraio 2005 11 commenti


Ingredienti x 6 persone:
1/2l di latte
100g zucchero
4 tuorli
30gr farina
2dl panna
1 bustina di vanillina
130gr cioccolato fondente

Portate in ebollizione il latte in un tegamino. Nel frattempo lavorate in una terrina i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo, incorporatevi la farina setacciata con la vanillina (un poco alla volta), versare il latte bollente a filo e trasferire il composto in una casseruola.
Mettete su fuoco moderato, portate ad ebollizione e fate cuocere la crema 5-6 minuti mescolandola con un cucchiaio di legno.
Unite alla crema il cioccolato tritato e fate fondere.
Versarla poi in una ciotola e lasciarla raffreddare. Aggiungete a qs punto la panna montata a parte. Versate la crema in una coppa o in coppette e se volete potete decorarla con riccioli di cioccolato.

Cioccolato: curiosità storiche.

24 Febbraio 2005 Commenti chiusi


La fama di potente afrodisiaco accompagna il cioccolato fin dalla sua scoperta nel Nuovo Mondo.
Si narra che l’imperator azteco Montezuma ne bevesse numerosissime tazze prima di incontrare le sue mogli e che nel 700 la fama del cioccolato era legata ai segreti dell’alcova come testimonia Madame de Pompadur.
Ma ai tempi degli Aztechi era conosciuto non solo come afrodisiaco ma anche come moneta di scambio.
Trecento sostanze chimiche che stuzzicano il palato e 400 componenti aromatiche e stimolano il naso: è qs insieme di elementi che crea la particolare complessità di gusto che è alla base del potere seduttivo e magico del cioccolato.
Nel 600 nei monasteri spagnoli alle novizie veniva fato pronunciare insieme al voto di castità anche quello dell’astensione al cioccolato….

Brownies alle noci pecan.

24 Febbraio 2005 2 commenti


Ingredienti x 8 persone:

250gr cioccolato fondente
150gr cioccolato extra bitter (70%cacao)
200gr burro
3 uova
200gr zucchero
75gr farina
1 cucchiaino raso lievito
180gr noci pecan già sgusciate (se non le avete potete usare quelle normali)
sale

Spezzettate il cioccolato fondente, mettetelo in 1 terrina con il burro. Fatelo sciogliere a bagnomaria e lasciatelo intiepidire.
In un’altra terrina sbattete con una frusta elettrica le uova e lo zucchero fino a farle risultare gonfie e spumose, versatevi il cioccolato a filo e, continuando a mescolare, incorporatevi la farina setacciata con il lievito e un pizzico di sale. Aggiungete 120gr di noci tritate grossolanamente, il cioccolato extrabitter e amalgamate bene gli ingredienti.
Foderate lo stampo rettangolare e versate l’impasto pareggiandolo con una spatola. Decorate la superficie con le noci che vi sono rimaste.
Cuocete in forno preriscaldato a 180°C x 40/45 minuti.
Per sapere se è cotto infilzatelo con uno stecchino, deve uscire caldo e leggermente umido.
Fate raffreddare completamente e tagliate in tanti quadrotti.

La siringa del pasticcere.

24 Febbraio 2005 4 commenti


Tra i vari strumenti da utilizzare c’è sicuramente la siringa da pasticceria con i suoi beccucci.
Se vi piacciono i dolci decorati come la torta della foto non può senz’altro mancare nela vs cucina.
Con qs attrezzo di può farcire, decorare, disegnare… a seconda del beccuccio che mettiamo.
Beccuccio liscio corto: è ideale x realizzare con la panna montata o la meringa delle decorazioni a puntini e cordoncini, disegnie parole. Può inoltre essere utilizzato per riempire con creme, panna farce salate i bignè.
Becuccio con apertura a esse: è adatto per realizzare le bordure con creme o panna.
Beccuccio lungo con apertura in sbieco: si usa x fare decorazioni e farciture tipo Saint Honorè.
Beccuccio con apertura dentellata dritta: è indispensabile x realizzare con panna montata le decorazioni dette “a canestro” in quanto imitano l’effetto delle lavorazioni in vimini (tipo cestino insomma). Viene utilizzato anche x decorazioni verticali o orizzontali delle torte.
Beccuccio con apertura a stella: è l’ideale x ottenere dei ciuffetti, roselline, e stelline.
Beccuccio con apertura a stella speciale: si usa x realizzare i biscotti di pasta frolla a forma di fiori o a esse. Ma è anche utile x guarnire i gelati o per realizzare meringhe con forme diverse.