Archivio

Archivio Febbraio 2005

Attrezzatura e altro.

24 Febbraio 2005 2 commenti

Per chi come me ama sperimentare, pasticciare, provare e ideare non si accontenta di usare la terrina e lo stampo.
Ci sono infatti tutta una serie di attrezzi che vengono usati per dar forma, pennellare, riempire, disegnare.
Quindi non poteva mancare un angolo dedicato all’attrezzatura da usare.
Non voglio fare la pasticcera saccente x’ non lo sono… ma x chi come me vuole provare a stupire gli amici e il marito… ci vuole un minimo di scuola e un minimo di attrezzi.
Piano piano vi scriverò a cosa servono gli attrezzi (scusate la ripetizione) e a come realizzare dolci d’effetto (come ad esempio la Sacher o i bignè) utilizzando gli impasti base etc etc.
Con qs non voglio assolutamente fare scuola… x’ quello che so l’ho imparato attraverso qche corso e giornali e libri. Vorrei solo dare una mano a chi ha qs passione x i dolci.
Con poco si possono fare cose sbalorditive!
E poi la soddisfazione di dire: “qs l’ho fatto io” non ha eguali!
Buon divertimento!

Crostata d’inverno.

24 Febbraio 2005 2 commenti

Per Chicca che mi ha chiesto un’idea x riutilizzare la frutta secca rimasta in circolazione dal Natale…

INGREDIENTI X 6-8 PERSONE.

x la pasta:
250gr farina
125gr zucchero
175gr burro
2 tuorli d’uovo
1/2 busta di vanillina

x la farcia:
50gr di nocciole pelate
50gr di mandorle pelate
70gr di gherigli di noci
150gr di albicocche secche
2 cucchiai di marmellata alle albicocche
20gr di ciliegine candite (facoltative)
1 cucchiaio di gelatina di albicocche

Attrezzatura:
1 tortiera del diametro da 24 cm

Preparate la pasta. Mettere in 1 terrina il burro ammorbidito e diviso a pezzetti e lavorarlo con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spugnoso. Quindi aggiunete i tuorli (1 alla volta), unire la farina setacciata insieme con la vanillina e impastare rapidamente.
Avvolgere l’impasto nella pellicola e porlo in frigo x 2 ore.
Fate ammorbidire le albicocche essicate con dell’acqua tiepida. Riprendete quindi la pasta e stendetela con il mattarello in una sfoglia dello spessore di 3mm. Mettetela nella tortiera precedentem imburrata, bucherellate il fondo con i rebbi di 1 forchetta, distribuitevi la marmellata di albicocche in uno strato uniforme. Adagiate quindi le albicocche scolate e asciugate, i gherigli di noce, le nocciole, le mandorle e le ciliegine divise a metà.
Ponete in forno preriscaldato a 180°C x 30 minuti. Toglietela dal forno una volta cotta e fate raffreddare. In un tegamino portate ad ebollizione la gelatina di albicocca con 1 cucchiaio di acqua, spennellate in modo uniformw la superficie della crostata e servitela.

Io non ho mai fatto qs torta ma l’ho assaggiata non mi ricordo dove… si può usare qsiasi tipo di frutta secca. Addirittura quella che avevo assagiato io era solo di frutta secca senza albicocche e ciliegine…

Il cioccolato da gustare.

23 Febbraio 2005 12 commenti


La degustazione del cioccolato è un’esperienza che coinvolge tutti i 5 sensi:
-la vista in quanto il cioccolato deve essere di colore uniforme, senza crepe, bolle, striature o patine;
-il tatto in quanto deve essere setoso e diventare duttile appena entra in contatto con il calore delle dita;
-l’udito in quanto quando si rompe deve emettere un suono secco (detto “snap”) con una frattura netta. Non deve nè scheggiarsi, nè sbriciolarsi;
-l’olfatto in quanto l’aroma deve essere dolce ma non stucchevole. Se non ha profumi o si percepiscono sentori di bruciato è di qualità scadente;
-il gusto in quanto il sapore deve essere omogeneo, burroso e persistente (sembra infatti che debba permanere x almeno 45 minuti).

Il cioccolato bianco in genere non viene considerato un vero e proprio cioccolato in quanto non contiene cacao. La sua composizione infatti è del 20% minimo di burro di cacao, zucchero, latte o derivati in polvere, lecitina e vaniglia. La superficie si presenta liscia, di colore avorio.
Il profumo è molto intenso e persistente con una forte marcatura di vaniglia e latte. I sentori di rancido e piccante denotano la cattiva qualità del prodotto.
In bocca risulta essere croccante ma meno del fondente. Gradatamente si sviluppa il gusto del burro di cacao con piccole note di acidità e intensi sapori di latte e vaniglia.
100gr forniscono 531 calorie in media.

Il cioccolato al latte è composto da cacao, burro di cacao, latte in polvere, lecitina, estratto di malto. Si presenta con una superficie omogenea, di color marrone brillante ma non troppo scuro. Inizialmente si presenta un sentore di vaniglia molto intenso che poi sfuma in profumo di latte e cacao, miele e caramello, nocciola e malto. Se odora di affumicato vuol dire che la qualità lascia a desiderare.
100gr forniscono 538 calorie in media.

Il cioccolato fondente (x me il massimo!) è composto da cacao, burro di cacao, lecitina, vaniglia. Si presenta con una superficie lucida di color marrone scuro privo di macchie. Nelle varietà superiori ed extra rilascia un aroma intenso di cacao tostato leggermente speziato di tabacco. Se sa di acido, metallico o di affumicato: buttatelo nel pattume!

Provate l’abbinamento con distillati morbidi e fruttati con una buona gradazione alcolica tipo il Marsala, il Porto giovane oppure in alternativa provatelo con il caffè di pura arabica o thè nero cinese se il cioccolato è fondente, con il thè indiano se trattasi di cioccolato al latte.
Buona degustazione!!!!

Crostata alla nutella.

23 Febbraio 2005 2 commenti


Visto che Kikka mi ha chiesto dei dolci con la nutella… ecco una ricettina semplice semplice: una bella crostata!
Ingredienti x la pasta frolla:
250 gr farina
120gr burro ammorbidito
70gr zucchero
1 uovo
mezza bustina di vanillina
la scorza di un limone non trattato grattugiata.

e poi la nutellaaaaa!

Amalgama bene e velocemente tutti gli ingredienti per la pasta frolla. Ricordatevi che il segreto x una buona riuscita è di lavorarla il meno possibile proprio x non “scaldare” la pasta. L’ideale sarebbe utilizzare un’impastatrice.
Finito d’impastare formate una pallina racchiudetela nella pellicola e mettetela a riposare in frigo per almeno 30 minuti.
Imburrate poi lo stampo o mettetegli la carta forno.
Stendete la frolla avendo cura di tenerne da parte un pochino per decorare. Mettete la pasta nella tortiera, ricordatevi di pareggiare il bordo (io infarino i rebbi di una forchetta e schiaccio x uniformare il tutto), spalmateci la nutella.
E poi decorate a piacere… se volete farla tradizionale potete metterci le classiche “striscioline” altrimenti potete usare gli stampini dei biscotti (come ho fatto io) e sbizzarrirvi!

ps: io non mi intendo di vini e abbinamenti… se qc1 vuol collaborare è il benvenuto!

Il ciambellone della zia.

23 Febbraio 2005 Commenti chiusi

Ingredienti:
3hg farina
120g burro fuso
120g zucchero
latte qb
1 bustina lievito
scorza di limone grattugiato
1 cucchiaio di Maizena o Fecola
2 uova intere
70g di cacao amaro

Mettete insieme gli ingredienti tranne il cacao e usate il latte per ottenere una pasta morbida e liscia. Versate una parte del composto in uno stampo a forma di ciambella. Nella parte che vi è riasta aggiungete il cacao e il latte sempre fino ad ottenere una pasta morbida e liscia. Versatela nello stampo.
Cuocete a 175° x 45 minuti.
Fate raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo!

Un mondo di dolci!

23 Febbraio 2005 5 commenti

Chi mi conosce sa che adoro cucinare e adoro soprattutto fare dolci.
Di qui l’idea di un blog dedicato a torte, pasticcini, biscotti… tutto ciò che riguarda il mondo delle dolcezze!
Chi ha idee, suggerimenti, ricette e consigli è il benevenuto!